Archivi categoria: libri recensioni

Michael Chabon, Mappe e leggende. E, naturalmente, racconto ancora bugie

Mappe e leggende di Michael Chabon

Mappe e leggende di Michael Chabon

Mappe e leggende. Avventure ai confini della letteratura di Michael Chabon
Traduzione di Francesco Graziosi
Indiana Editore, gennaio 2013, 17,50 €, 256 pagine, letto in formato cartaceo;
otto volumi del catalogo Indiana sono disponibili in formato elettronico ma non questo

«Nessun genio letterario che si rispetti, neppure un occasionale reo confesso come Graham Greene, si descriverebbe in primo luogo come “intrattenitore”. […] Eppure l’intrattenimento – così come io lo definisco, piacere compreso – rimane l’unico modo sicuro che abbiamo per superare, o almeno illuderci di aver superato, l’abisso di coscienza che ci separa gli uni dagli altri».

Indiana Editore è una casa editrice recente, fondata nel 2011, che ha all’attivo tre collane e pochi (finora quattordici) ma originali titoli; dovesse chiudere domani avrebbe avuto il merito di avere dato alle stampe, nella traduzione di Francesco Graziosi, un volume importante Maps and Legends: Reading and Writing Along The Borderlands di Michael Chabon. Se il nome di questo autore vi dice qualcosa complimenti, possedete di sicuro un libro Rizzoli o Edizioni BD (alcuni dei quali potrebbe essere fuori catalogo), o avete visto Wonder Boys di Curtis Hanson. Uscito negli USA nel 2008 Mappe e leggende raccoglie sedici saggi scritti nell’arco di dieci anni che come proclama la quarta “offrono per la prima volta lo Chabon lettore e interprete” della produzione mainstream anglosassone.

Avete presente un dado a sedici facce? Probabilmente sì se avete mai giocato a un gioco di ruolo. Mappe e leggende alla pari di un dado simile offre sedici spaccati sull’universo dell’intrattenimento letterario ognuno dei quali approfondisce tematiche come la fan fiction – riferita al personaggio di Sherlock Holmes –; la narrativa di intrattenimento e di genere; il potere che le tutte le mappe e il pantheon di divinità e storie legate ai miti nordici hanno di accendere l’immaginazione; il fumetto (Howard Chaykin, Ben Katchor e Will Eisner) con una riflessione su come l’industria editoriale debba tornare a fare fumetti per i bambini, ora che questo mezzo espressivo ha “guadagnato rispetto e validità artistica”; recensioni della saga “Queste oscure materie” di Philip Pullman, di “Sulla strada” di Cormac McCarthy e dei racconti del brivido di Montague Rhodes James… storditi? Siamo a 11/16 del volume e l’autore è davvero bravo a sviscerare in poche pagine questi argomenti.

Il resto di Mappe e leggende è incentrato invece sulla produzione letteraria di Chabon e sui processi creativi che ci stanno dietro, potremmo dire che è come sbirciare nel laboratorio dello scrittore mentre ci narra come sono nate le sue storie e tutt’intorno è un delirio di appunti, disegni, resoconti di incontri casuali con persone od oggetti, tradizioni – ebraiche nel caso di Chabon –, vicissitudini familiari ecc. Il paragone insistito che l’autore fa tra se stesso e il mazik o il trickster (il “briccone”, colui il quale portando lo scompiglio nel mondo crea le storie) può anche stuccare dopo un po’ così come l’idea di letteratura come inganno che tuttavia tenta “sempre, senza altre speranze o ambizioni maggiori, di dire la verità”, una verità; di trasmettere tutto ciò che sa sulla Vita (sic). Di sicuro appartengo a quella categoria di lettori che ai romanzi “crede”  – Chabon invece dà per scontato un contratto tra scrittore e lettore dove è messo nero su bianco che il trucco c’è anche se non sapremo mai quale.

Cosa non ho trovato e mi sarebbe piaciuto trovare: un’introduzione critica alla raccolta che spiegasse chi è Michael Chabon (1963) senza doverlo cercare in Internet, una bibliografia aggiornata, come sono state accolte le sue opere in patria e all’estero, specie in Italia; una nota al piede all’inzio di ogni testo utile a inquadrare temporalmente la stesura dei testi – in special modo quelli biografici o pseudotali. È il primo libro di Indiana Editore che acquisto – non sarà l’ultimo – quindi non conosco ancora bene come lavorano (forse pretendo troppo!), chissà che in una prossima edizione mi accontentino con un trentaduesimo in più dove trovino il loro giusto spazio anche queste informazioni.

Nonostante qualche perplessità quindi è un piacere avere a disposizione questi saggi in lingua italiana, sono d’accordo con Luigi Mascheroni de “il Giornale” che su Twitter lo definisce il libro più bello di inizio anno (cliccate qui per leggere la sua recensione), se non il più bello di sicuro è un’ottima cassetta degli attrezzi – o una potente torcia recuperando la metafora usata da Jacopo Cirillo nel suo pezzo su Finzioni – per lettori e scrittori come giustamente sottolinea Marta Perego su Chooze.it. Il timore è che passi sotto silenzio come l’iniziativa eccentrica di una piccola casa editrice, facciamo che non sia così, conoscete anche voi accaniti bibliomani e penne comprese o imcomprese? Fatevi e fategli un dono, regalategli una copia di Mappe e leggende.

2 commenti

Archiviato in libri recensioni

Vittorio Spinazzola, Alte tirature, i best sellers analizzati senza spocchia

“Alte tirature” di Vittorio Spinazzola

Alte tirature: la grande narrativa d’intrattenimento italiana di Vittorio Spinazzola
il Saggiatore / Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, aprile 2012, 19,50 €
Non è disponibile in ebook, davvero un peccato

“Se ci fosse una maggiore abbondanza, cioè, di scrittori che decidono liberamente di orientarsi verso un pubblico molto largo, io credo che l’Italia sarebbe un Paese più colto, non meno colto”

Volete ascoltare la strabiliante dichiarazione qui sopra dalla voce dell’autore stesso? Basta cliccare sul link sotto e aprire il podcast di Radio 3 relativo alla puntata di Fahrenheit condotta da Loredana Lipperini il 12 luglio scorso: Conversazione con Vittorio Spinazzola (Alte tirature, Il Saggiatore 2012) A me l’idea di una letteratura meno sacrale e cultuale piace molto e concordo con le tesi sviluppate da Spinazzola in questo saggio monografico, non sarebbe male avere più scrittori di bestseller in Italia.

Attraverso dodici casi studio, dodici megasuccessi quantitativamente straordinari (alcuni di essi già obnubilati dal macinasassi della Storia) compresi tra il 1971 e il 2006 a firma Villaggio, Lombardo Radice e Ravera, Fallaci, Cairati e Cantaroni, Vignali e Mozzati, Tamaro, Brizzi, Camilleri, Faletti, Panarello, Moccia, Saviano vengono analizzati in quanto cortocircuiti irripetibili tra l’immaginazione autoriale e l’immaginario collettivo dei lettori nelle rispettive decadi. Leggere di più, leggere tutti.

Lascia un commento

Archiviato in libri recensioni

Andrea G. Pinketts, Lazzaro, vieni fuori, un dannato capolavoro

“Lazzaro, vieni fuori” di Andrea G. Pinketts

Lazzaro vieni fuori di Andrea G. Pinketts
Feltrinelli Universale Economica, maggio 1997, 7,50 €
Nessuna storia di Pinketts pubblicata da Feltrinelli è ancora disponibile in ebook 😦 Non so, proverò a mettere in piedi una campagna di sensibilizzazione ^___^ Aggiornamento: i primi tre libri (tra cui questo) esistono ora anche in formato elettronico! Cliccate qui.

«Per molto tempo sono andato a letto tardi. La differenza tra me e Proust».

A volte ti viene voglia di rileggere storie così, esordi letterari perfetti da conservare come perle rare. Pinketts ha scritto questa opera d’arte a poco più di trent’anni e devo averla comprata a fine anni Novanta, proprio nell’Universale Economica Feltrinelli, quella con la copertina di tela, avete presente? (L’immagine sopra, “rubata” dall’ottima recensione di Mattia su www.readers-bench.com, corrisponde all’edizione di cui parlo). Acquistata, regalata e prestata tanto che un giorno non mi tornò più indietro, ora ne posseggo una copia recente dalla lucida copertina plastificata, in attesa dell’ebook 😉

Nessuna delle narrazioni successive aventi Lazzaro Santandrea protagonista mi ha mai convinto (mi sono arreso del tutto a Il conto dell’ultima cena del 1999) ma questo primo episodio al fulmicotone, una “fiaba d’azione” come la definisce lo scrittore stesso, continua a sorprendermi e a farmi ridere quando le persone sono troppo serie. Una strampalata indagine in terra trentina diventa un congegno capace – grazie al talento di Pinketts per la frase, per i detrattori sprecato in giochi di parole e trame ridicole – di farti volare le ore, disperato che il godimento possa finire con l’ultima riga del romanzo. Da leggere.

Lascia un commento

Archiviato in libri recensioni